«Basta lamentarsi!». Far fiorire il cambiamento, a Muggia e non solo

«È ora di smetterla di lamentarsi. Non abbiamo bisogno di tanto per cambiare la nostra cittadina. Senti, a proposito, ho un’idea: un concorso per rendere più bello il nostro porticciolo veneziano, facendolo addobbare da vasi, fioriere e fiori, con l’aiuto di tutti i miei concittadini che hanno voglia di aiutare». Sono le parole e il sogno che ho raccolto da Elena Furlani in un’intervista condotta a febbraio 2018 a Muggia, Trieste.

Leggi tutto il mio articolo che racconta metodi e valori sul cambiamento personale e collettivo impiegati nel lavoro di cui sono co-autore per il sistema turistico di Muggia.

(sopra, la foto dell’inaugurazione dell’infopoint di Muggia scattata a luglio 2018 da Fulvio E. Bullo, con operatori turistici e l’amministrazione comunale)

Non dubitare mai che un piccolo gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa cambiare il mondo. In verità è l’unica cosa che è sempre accaduta.
(Margaret Mead, antropologa)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...