Elicriso

Ogni estate, da 20 anni, torno sulle isole del Quarnero.

La prima cosa significativa che ti capita, sbarcati a Cherso, è arrivare sopra Beli, a cavallo del monte, a cavallo dei mari. Puoi ammirare l’incredibile panorama o soffermarti sull’aroma diffuso, un aerosol naturale.

All’inizio, devi chiederti solo di sentirlo.
Poi, devi riconoscerlo.

Passano gli anni e continuano i ritorni, ogni estate, come le onde sulle falesie e sulle spiagge. Così facendo, ho iniziato ad amare quest’aroma e a sentirne la malinconica assenza.

Si tratta dell’elicriso, una pianta la cui etimologia mi piace decifrare come ‘oro solare’: un bene prezioso capace di catturare il sole pulito dalla bora.

La terra ferma, massiccia, è più in là. Intorno a te ci sono scarpate di elicriso, salvia, ginepro, muretti a secco e sono, tutti, un creato del sole, dell’uomo, del mare, delle pecore, dei grifoni, del vento, dei secoli.

Sull’isola, in questo paesaggio carsico, con questo aroma, soffro un’altra malinconia: verso tutte le cose che potrei essere, che sarò, che non sono stato. Sono spinto ad andare avanti o forse a tornare indietro, a immergermi in chi sono, sul serio.

Respiro, contemplo in silenzio la libertà e posso stringere la mano a chi voglio bene.

P.S.

Qua sotto le mie foto scattate a luglio 2019.

Qua un fantastico articolo scientifico sull’elicriso, “gigante dormiente”, è qua.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...